Crea sito

ESTerroni – Galija Kornuta

Gli ESTerroni sono una categoria bizzarra almeno quanto gli Estoniani, ne fanno parte tutti gli estoni che vivono in Italia oppure che vi hanno vissuto per un periodo più o meno lungo per poi tornare in Estonia.E´ questo il caso di Galija ma, prima che si introduca da sola, e´ necessario ricordare come vi sia ´inciampato´ assolutamente, o quasi, per caso.

Mai lasciare un uomo solo in balia dei centri commerciali, infatti a parte fare la solita spesa, avra´ sempre qualche brillante idea per fare qualcosa di diverso o comprare qualcosa fuori dalla solita ´lista della spesa´.

Galija non era nella mia lista quel giorno, infatti non avrei dovuto comprare della birra artigianale, pero´, incuriosito dal posto, entrai almeno per chiedere i prezzi e come la birra venisse confezionata.

Diciamo che non ho avuto nemmeno il tempo di dire ´a´ nel mio estone insicuro che lei mi ha subito smascherato: sei italiano?

Allo stupore e´ seguito il piacere di finalmente potere parlare la propria lingua in un esercizio commerciale estone, cosa che non avviene spesso.
Va da´ se´ che la birra e´ passata subito in secondo piano e siamo finiti a parlare di come mai parlasse italiano…con un forte accento abruzzese!

Galija, raccontaci!

Nome – Cognome – Eta´ – Citta´(ora in Estonia e prima in Italia) – Professione (ora in Estonia e prima in Italia)

Diciamo sono proprio italianaGalija Kornuta, 23 anni

–          Estonia, Tallinn

–          Capistrello, Provincia del L`Aquila

In Italia ho fatto  la barista e la commessa all`agenzia delle scomesse StanleyBet. In Estonia non sono andata lontano dal bar e continuo a fare il mio mestiere, pero in un negozio della birra artigianale.

944966_10152780485460508_1140426662_n

Quanto hai vissuto in Italia?

E stata una cosa spontanea, appena finito di studiare un´amica me l`ha chiesto se volevo partire insieme a lei. Cosi il 9 maggio 2009 sono arivata a Milano Malpensa,  da dove ho cominciato il mio percorso e la conoscenza dell´Italia.

Descrivi la tua città in Italia…

Una cittadina piccolina, come in una favola, ci sono piu´ o  meno 6000 abitanti. Tutti si conoscono. Verde, verde come un prato. Intorno solo le montagne e gli animali. Una cittadina semplice, ma che amo molto.

Come sono gli italiani?

Ti incontrano sempre con il sorriso. Sono aperti, diretti. Sono davvero brava gente. Sono come il fuoco, si accende e poi si calma.

Le maggiori differenze tra italiani ed estoni e cosa hanno in comune secondo te…

La differenza abissale secondo me e´ la mentalita, veramente diversa. Direi che gli italiani sono esattamente il contrario degli estoni. Che hanno in comune: penso che sono entrambi fieri della propria cultura e lingua.

Qualche stupido, strano, particolare aneddoto per descrivere il tuo rapporto con gli italiani?

Quando sono stata la prima volta in Italia e non sapevo parlare, sono dovuta partire da Modena fina a Peskara ( la scrive proprio cosi´, Fausto gradira´ ndr) e da li´ fino ad Avezzano. Appena sono salita sopra il treno, e´arrivato il controllo dei biglietti e lui mi stava a chiede’ qualcosa, e io continuavo a dire “ Non capisco niente, prima volta in Italia”. Era l´unica frase che sapevo a dire. Ma ogni volta che ci penso, mi viene da ridere.

Quali sono stati i 3 posti dove sei stata che più ti sono piaciuti?

Purtroppo non ho viaggiato tanto, ma proprio per niente. Ti dico un posto che non scordero´ mai. Ho passato una bellissima vacanza li´. E´ stato in Puglia, a Vieste.

Quali sono le tue 3 canzoni italiane preferite?

Vasco Rossi- e…;    Vasco Rossi-  siamo solo noi;    Antonello Venditti- ogni volta.

I 3 piatti italiani preferiti?

La cucina italiana e´ tutta buonissima. Tra i preferiti  ci sono: il tiramisu´, la pasta alla crema di scampi ed  il prosciutto crudo,  anche se non e´ un piatto.

269275_10150864355172257_267710369_n

Cosa ti manca dell’Italia ora che sei in Estonia?

Prima di tutto mi manca il mio amore. Mi manca il caldo dell`Italia, mi manca il mio lavoro e qualche amico che ho avuto li´.

Cosa ti mancava dell´Estonia quando eri in Italia?

Quando sono stata in Italia mi mancava tantissimo la donna piu´ speciale del mondo, mia madre. La mia migliore amica, ogni tanto avevo bisogno di lei e di qualche seratina pazza che ci facciamo ogni tanto.

Una cosa che porteresti in Estonia dall´Italia…

Porterei il mio amore, pero non e´ facile.

Cosa regaleresti all´Italia dell´Estonia?

Oddio, non lo so. Forse qualcosa di bello, qualche cosa che vi fa perde’ la testa, che uno si porta sempre con se´ e gli faccia ricordare dell´ Estonia

Hai imparato il dialetto del posto in cui ti trovavi? Cosa sai dire?

Eh lo sai che prima ho imparato a parlare in dialetto e poi in italiano (qua e la´ non abbiamo volutamente modificato le troncature dialettali dei verbi, Galija parla proprio cosi´ ndr)…Lo hai sentito anche tu, che ogni tanto mi scappa qualcosina…ihihih  I ME MORO MA JO SOLO A STA PARTE NON LO VEDRO´ MAI

5 aggettivi per descrivere gli italiani…

Interessanti, belli, gentili, affettuosi, premurosi.

Hai in programma di tornare in Italia un giorno?

E certo che tornero´…..li´ e´ rimasto qualcosa che mi aspetta. Al momento sto ad aspetta’ le ferie e poi parto subito…ancora non e´ finito niente…ho fatto caso, dal momento che sono tornata qua, l´Italia mi segue da per tutto!

…ed allora eri davvero nella mia ´lista della spesa´ e senza che lo sapessi.

Grazie Galija,

in bocca al lupo!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close