Crea sito

Estoniani – Francesco Antonio de Caprariis

Con Estoniani gli italiani in Estonia si presentano,  è  il turno di Francesco che è già diventato parte attiva del blog collaborando con Angelo ed il suo RdS e ancor più lo diventerà in futuro assieme alla sua Evelin con una gustosissima rubrica di food-review… qualche link utile: 

website: www.francescodecaprariis.it

facebookFrancesco Antonio de Caprariis Photography

Nome, Cognome, Età, Provenienza
FRANCESCO ANTONIO de CAPRARIIS, FOTOGRAFO, 26 ANNI, NAPOLI

nordic mirage-63_IO_smoking copia

Raccontami più o meno brevemente la tua prima volta in Estonia…
Arrivo a Tallinn una gelida settimana di aprile di circa un anno e mezzo fa…

Quali sono i posti più belli del paese baltico dove sei stato?
La splendida isola di Saaremaa.
Il maniero di Vihula.
Una fantastica casetta di legno senza acqua corrente e con riscaldamento a legna nella campagna di Edivere.

Quali sono i tuoi 3 piatti estoni preferiti?
Adoro la cucina locale! Ne sono stato colpito sin dalla prima volta perché fonde diversi stili provenienti da altrettante nazioni, rivisitando piatti francesi, italiani, tedeschi e russi.
Per i vegetariani consiglio il Cavolfiore in pastella, saltato in padella con finocchietto.
“Kotletid”: una variante delle polpette italiane, con uova e spezie.
Come dessert la “Pavlova” è un must: una grossa meringa, croccante all’esterno e morbida all’interno, ricoperta di panna e fragole.

Cosa pensi degli estoni ?
Grandissimi lavoratori, super-informatizzati e non è vero che sono sempre “freddi”… dal venerdi sera ore 18 in poi non ce n’è per nessuno.

Cosa pensano gli Estoni di te?
Domanda da 1 milione di dollari…
Sicuramente che faccio sempre tardi e che cucino bene; hanno sempre apprezzato la mia cucina “Made in Naples” !

io_evelin_katusekino_exhibition

Come è cambiato il tuo rapporto con la vodka da quando sei in terra estone?
Continuo e costante!
Sono sempre stato un amante della vodka, sin da prima del mio arrivo a Tallinn… ma qui ho scoperto che la Beluga non ha eguali !

Dimmi 3 locali estoni dove ti piace andare, consiglieresti…
AED: ristorante rinomato per la tipica cucina locale e BIO.
L’innovativo Sfaar: metà ristorante, metà negozio abbigliamento. Famoso per i piatti di carne, i dessert ed i marchi ricercati.
Klubi Teater: modernissima discoteca di appena 2 anni d’età, sitiuata nell’antico Vene Teater.

Temperatura minima con cui ti sei trovato per strada? Racconta come ti sei sentito…
Dicembre 2012… -20 gradi… Un’esperienza “simpatica” !
Autonomia massima all’esterno: circa 10 minuti.
Ma so che c’è di peggio…

Qualche aneddoto se ne hai…
Trascorrere 2 ore in una catapecchia di Kristiine dal “riparatore ufficiale Samsonite”:
un allegra famigliola di russi-estoni che non parlavano una parola di inglese. Io non parlando né russo né estone – non ancora… – ho iniziato a parlare in Napoletano ma sono riuscito alla fine ad ottenere una banalissima certificazione di Damage Report.
Uscendo dalla porta, saluto i miei nuovi amici con un ironico “Spasibo!”.

CW5A0936-2

Grazie Francesco,

a presto!

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close